Terremoto elettorale

tg5Ho visto il terremoto in Abruzzo attraverso il filtro del TG5 dementanizzato.

Ogni giorno Berlusconi si mostra vicino alla popolazione terremotata.

A Casini è impedito (o sconsigliato) di recarsi nella zona per evitare il disagio che la visita di un politico genererebbe.

Persino Benedetto XVI evita di andare personalmente, quasi non volesse oscurare la presenza costante di Berlusconi.

Fassino va a rendersi conto della situazione, ma quasi di nascosto. Vengo a sapere che anche Bersani visita L’Aquila solo grazie ad un mio fugace blitz sul TG3.

Tutto ciò accade a poche settimane dalle elezioni europee (in cui Silvio Berlusconi è candidato) e amministrative. Tutto ciò mi puzza tanto di bandierina sull’Abruzzo.

Ma, forse, questo mio sospetto deriva dal fatto di aver subito il TG5 come unica fonte di informazione.

Annunci